magliocchetti.studio@gmail.com
+39 3477428797
Month

Ottobre 2015

Cina, gli effetti collaterali della politica del figlio unico

L’abolizione della politica del figlio unico in Cina ha riportato il tema sotto i riflettori dell’opinione pubblica nazionale e internazionale. La pianificazione familiare cinese si è rivelata una devastante macchina mortale: sono stati stimati più di 400 milioni di aborti in trentacinque anni e numerose sterilizzazioni femminili forzate. Questa politica fallimentare ha avuto effetti collaterali delicatissimi.

Utero in affitto, la schiavitù del terzo milennio

Quella dell’utero in affitto è la nuova schiavitù del terzo millennio. Una pratica che rende la donna un mezzo e un macchina riproduttiva volta a soddisfare i capricci di una coppia o di singoli soggetti che millantano un diritto alla paternità e alla maternità. Un business mondiale che si serve di donne di zone arretrate del mondo, spesso giovanissime, attirate in veri e propri racket riproduttivi che onorano stravaganti egoismi occidentali.

Le aspirazioni prometeiche dell’uomo moderno

La bellezza dei miti greci si trova anche nel fatto di essere terribilmente attuali. Se volessimo attribuire all’uomo moderno una figura narrata nella mitologia greca, la più adatta sarebbe quella di Prometeo, il titano che osò sfidare Zeus. L’aborto, l’eutanasia, la fecondazione assistita, la clonazione e le altre forme eugenetiche sono la triste conseguenza della volontà dell’uomo di giocare a fare dio.

Eutanasia, soluzione alla sofferenza?

La breve riflessione che segue cerca di mettere in luce come la pratica dell’eutanasia non è una soluzione per la sofferenza dell’uomo. Ultimamente, infatti, il numero dei cittadini olandesi che chiedono l’eutanasia alla clinica Levenseindekliniek è duplicato in un solo anno. Il movente di questa scelta è il voler porre fine alla proprie sofferenze.

Sicilia, caporalato sessuale e aborti

Sono più di un migliaio le giovani, soprattutto romene, schiave del caporalato sessuale perpetrato dai proprietari delle serre ortofrutticole siciliane. A denunciare la tragica realtà, soffocata dall’omertà degli abitanti, è stato un coraggioso parroco di Vittoria (Ragusa), don Beniamino Sacco. Le giovani immigrate sono sfruttate nei campi dell’orrore, violentate sessualmente e costrette ad abortire, spesso in condizioni di clandestinità.