Aborto, il cuore del padre può salvare una vita

Il rapporto dell’uomo con il dramma dell’aborto è stato al centro dell’intervento del prof. Antonello Vanni che in uno dei gruppi di lavoro del 37° Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita (Cav) ha presentato il suo libro, dal titolo «Lui e l’aborto. Viaggio nel cuore maschile» (San Paolo Ed., 2013). La proposta offerta dal Vanni agli operatori dei Cav italiani è quella di rinnovare l’attenzione verso la figura dell’uomo che, di fatto, viene esclusa dal dibattito sull’aborto sia sulla base dell’art. 5 della legge 194/78 in cui il padre è privato di ogni decisione riguardante la vita del figlio concepito, sia a causa di pregiudizi e stereotipi che hanno accompagnato l’eclisse del padre nella società odierna. A questa mancanza secondo Vanni è necessario intendere l’attenzione al padre come un proficuo «sguardo supplementare», che trova il suo fondamento in ricerche che provano come il maggiore coinvolgimento dei padri può salvare la vita di un maggior numero di figli destinati all’aborto.

Continua a leggere “Aborto, il cuore del padre può salvare una vita”

The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) stima 56 milioni di aborti ogni anno, in aumento di 6 milioni rispetto ai dati rilevati negli ultimi decenni del novecento. Un genocidio silenzioso che non indigna i sacerdoti del politicamente corretto. È questo il triste bilancio diffuso dal periodico “The Lancet”[1].Ragionare su questi numeri disarmanti è fondamentale per comprendere appieno la situazione che, in proporzione, viviamo in Italia.

Lo studio: 56 milioni di aborti ogni anno. – L’Oms e il Guttmacher Institute statunitense hanno condotto una ricerca sul numero degli aborti nel mondo dalla quale emergono dati impressionanti. Nello studio pubblicato su “Lancet”, autorevole e prestigiosa rivista scientifica di ambito medico, viene registrato che tra il 2010 e il 2014 sarebbero circa 56 milioni i casi di interruzione di gravidanza ogni anno, una cifra che secondo le proiezioni si stima drammaticamente in crescita. Infatti, a differenza del periodo tra il 1990 e il 1994 è stato registrato un incremento di circa sei milioni di aborti a livello mondiale. Un numero veramente pazzesco equivalente a quasi dieci volte l’Olocausto, circa quanto la popolazione dell’intera Inghilterra. Per rendere ancora meglio la drammaticità di questi dati basta applicare una semplice operazione matematica: 56 milioni di aborti ogni anno, significa 153.424 interruzioni di gravidanza praticate ogni giorno, 6.392 ogni ora e 106 al minuto. Un genocidio silenzioso che difficilmente indigna le manifestazioni o fiaccolate del politicamente corretto. Continua a leggere “The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno”