Aborto, il cuore del padre può salvare una vita

Il rapporto dell’uomo con il dramma dell’aborto è stato al centro dell’intervento del prof. Antonello Vanni che in uno dei gruppi di lavoro del 37° Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita (Cav) ha presentato il suo libro, dal titolo «Lui e l’aborto. Viaggio nel cuore maschile» (San Paolo Ed., 2013). La proposta offerta dal Vanni agli operatori dei Cav italiani è quella di rinnovare l’attenzione verso la figura dell’uomo che, di fatto, viene esclusa dal dibattito sull’aborto sia sulla base dell’art. 5 della legge 194/78 in cui il padre è privato di ogni decisione riguardante la vita del figlio concepito, sia a causa di pregiudizi e stereotipi che hanno accompagnato l’eclisse del padre nella società odierna. A questa mancanza secondo Vanni è necessario intendere l’attenzione al padre come un proficuo «sguardo supplementare», che trova il suo fondamento in ricerche che provano come il maggiore coinvolgimento dei padri può salvare la vita di un maggior numero di figli destinati all’aborto.

Continua a leggere